28 Ago 2015

Galleria: Palermo

Palermo1

Probabilmente hai spesso guardato la città nella quale vivi in modo alquanto superficiale ed astratto, come se non avesse mai mutato il suo attuale aspetto, e l’hai anche ritenuta la semplice risultante di un insieme di edifici, privati o pubblici, di strade e piazze, […] Sì, la tua città è anche questo, ma il volerla considerare soltanto sotto tale aspettosarebbe il modo più disumano di farlo; significherebbe osservarla da un arido punto di vista che la ridurrebbe ad un semplice contenitore di abitanti, volendo usare un termine oggi in voga nell’immagazzinamento delle merci […] La vita di una città, a differenza di quella degli uomini, ha spesso la durata di molti secoli, di millenni addirittura, ma quando vengono a mancare quelle condizioni che hanno sostenuto l’insediamento umano, allora anche la città muore, e non ne rimangono che le sole “ossa di pietra”, sepolte dal tempo, sino a quando, dissotterrate, non torneranno a rivedere la luce del sole, mute testimonianze di un passato che ormai appartiene soltanto alla storia. Ma Palermo, la tua città, è ancora viva e palpitante, e sebbene con una veneranda età di ben ventotto secoli; e se nella sua parte più antica, nei vecchi quartieri […], potrai avere la ben giustificata sensazione di un penoso stato di abbandono e di degrado delle sue strutture urbane, edilizie e sociali, con un po’di benevolenza, potrai anche riguardarla come una vecchia signora, con il volto ormai devastato dal tempo, ma che ancora non rinuncia ad agghindarsi con trine ingiallite e tarlate, nel nostalgico ricordo di un tempo certamente più felice. […] Inoltre è bene, poi, che tu tenga presente che il passato di una città e del suo territorio non si configura soltanto nelle testimonianze fisiche, ma vive nelle antiche tradizioni, negli usi e costumi scomparsi o che vanno a scomparire. […] Proverai la gioia dell’intuizione e della scoperta e, così, anche tu potrai scrivere la storia della tua borgata, della strada dove abiti, di un’antica chiesa del tuo quartiere, di un vecchio palazzo ormai abbandonato, o sarai in grado di fissare il ricordo di una tradizione direttamente raccolta dalla viva voce di un’abitante. Allora, e soltanto allora, potrai veramente dire di conoscere la tua città. Rosario La Duca “Alla scoperta della tua città – Palermo ieri e oggi” Edrisi, Palermo, 1979.


Bolognina Basement

Bolognina Basement è una visione centralmente periferica sul presente, sulle produzioni culturali e su cosa significa fare cultura indipendente oggi in Italia. Illustrazione, cinema, fumetto, arti urbane, letteratura e musica sono il punto di partenza per raccontare le storie di persone, luoghi, territori e relazioni, per tracciare percorsi di lettura personali e collettivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *